baby loss photography6568bUn recente studio britannico e statunitense ha rilevato che l’impatto psicologico legato alla perdita di un bambino possa avere effetti sulla vita di mamme e papà, anche per diversi anni dopo il lutto.

Le madri che restano nuovamente incinta possono soffrire di depressione o ansia, per molto tempo dopo la perdita, riferiscono i ricercatori dell’Università di Bristol.

Fino a 1 gravidanza su 6 si interrompe prematuramente, mentre la morte in utero avviene in circa 5 gravidanze ogni 1.000 nascite.

Recenti studi hanno dimostrato che le donne che hanno perso un bambino hanno più probabilità di provare ansia e depressione quando rimangono di nuovo incinta.

Pochi studi hanno, ad oggi, esaminato se questi sintomi svaniscano dopo la nascita di un altro bambino.

premat17 Novembre, Giornata Mondiale della Prematurità

In questa occasione, abbiamo avuto il piacere e l’onore di intervistare Elena Balsamo, Pediatra, scrittrice e formatrice. Inutile dire che le sue parole rappresentano per noi cura, sostegno, calore… umanità. Dedicando questa intervista ai più piccoli e ai loro incredibili genitori, vi auguriamo una buona lettura.

“Nato prima del tempo”, un libro sulla prematurità, rivolto a genitori ma anche a operatori…un libro dalla parte dei bambini. Ce ne puoi parlare ?

“Nato prima del tempo” è il mio libro più sofferto perché parla di un capitolo difficile della mia vita: quello della prematurità.  L’ho scritto inizialmente per rispondere a una richiesta dell’editrice, ma mi sono ben presto resa conto che per me rappresentava la possibilità di trasformare il trauma in dono per altri, altri che avevano vissuto la stessa esperienza.

genitori tra terraPerdere un bambino è un dolore profondissimo. La perdita di un figlio si colloca tra vita e morte, un evento improvviso, impossibile da spiegare, indipendentemente dall’epoca gestazionale e dalle ragioni per cui si è verificata la perdita. Non esiste un modo corretto di affrontarlo, ciononostante alcuni strumenti possono aiutarci nell’attraversare una sofferenza che appareinenarrabile.

Cracked Light Woman Sculpture 4Armonizzare una cicatrice è molto di più di una semplice tecnica da applicare.

Le cicatrici – tutte - chiedono ascolto.

A volte per ottenerlo bruciano, prudono, si infiammano urlando il loro bisogno di attenzione e di essere riconosciute!

C’è la cicatrice che mantiene questo grido in modo costante; c’è quella che cammina silente finché finalmente non le viene rivolta la dovuta attenzione.

Sono così, sono uniche! Sono come le figlie e i figli che abbiamo dato alla luce: tutti diversi, ognuno con la propria indole e il proprio percorso, ma tutti bisognosi di essere visti ed accolti.

E noi… noi siamo le madri e le figlie di quelle cicatrici che portiamo sul nostro corpo e che si sono incise nell’animo a livello sottile.

FacebookTwitterGoogle Bookmarks