biberon dopo poppataQuesta è una domanda che viene posta spessa.

È molto comune che i bambini si mostrino irrequieti a fine poppata a volte (o sovente in alcuni casi) ed è comprensibile che alcuni genitori si preoccupino che questa reazione sia associata al fatto che il bambino non abbia ricevuto abbastanza latte.

Cosa può quindi succedere?

Magari viene dato un biberon per "testare" questa ipotesi ed il bambino lo accetta per poi crollare addormentato. Questa reazione può far sentire i genitori disorientati e convinti che effettivamente stessero rischiando di affamare il proprio bambino/la propria bambina!

Ora, questo è un fatto che succede... poniamo quindi una domanda insidiosa: se questo accade, perché si sostiene che bere un biberon dopo una poppata non significa necessariamente che il bambino abbia fame?

Allattamento a richiesta I bambini poppano al seno per una grande varietà di ragioni: la fame è solo uno di essi.

Questo è un concetto pratico che può creare confusione in una neomamma. 

La nostra cultura è così abituata all'alimentazione formulata e al controllo dei ritmi, da aver preso l'uso dell’artificiale come standard normale dell'alimentazione infantile. 

Così, dopo la nascita, indipendentemente dalle scelte che facciamo, in genere ci sentiamo rivolgere domande come: "Quanto spesso mangia?" e "Quanti minuti poppa?" 

Inoltre, molte madri sono sin da subito in balia di commenti (spesso in buona fede) di familiari e amici, del tenore: "Ha davvero di nuovo fame?" o "Deve reggere almeno tot ore!" 

Sia che si scelga di allattare o di alimentare con la formula, l’enfasi viene posta sul consumo e sulla quantità, piuttosto che sull'atto di nutrirsi in senso lato.

La poppata non implica semplicemente l'atto dello sfamarsi: la bocca per un neonato è un mega-organo tramite il quale inizia a conoscere il mondo, proprio grazie al tuo latte materno!

La poppata ed il latte materno sono una porta di collegamento verso la conoscenza del mondo, il bisogno di protezione, confort, sicurezza, esplorazione, conoscenza…oltre il senso di sazietà.

58383991 1297521423719586 4683520961360691200 n

 

 

Con Enorme Gratitudine e Immensa Gioia,

Annunciamo che la Nostra

Marika Novaresio

è diventata una IBCLC!!!!

 

Il Direttivo e Tutte le Socie si Congratulano per questo Meraviglioso Traguardo!

 

cibo 2Esiste un elenco di cibi che dovrei evitare durante l'allattamento?

Non ci sono alimenti che una madre dovrebbe evitare semplicemente perché sta allattando.

Generalmente puoi mangiare ciò che vuoi, quando vuoi, nelle quantità che ti piacciono e continuare a farlo a meno che non noti una reazione evidente nel tuo bambino ad un determinato cibo (e, no, non basta un sospetto momentaneo, senza un accertato fondamento).

Anche se continuano a girare quelle famose fotocopie, non esiste un "elenco degli alimenti che le madri che allattano dovrebbero evitare":

la maggior parte delle mamme che allatta può mangiare tutto ciò che vuole; inoltre la sensibilità di un bambino a determinate sostanze ha una specificità unica: ciò che disturba uno, può non disturbare un altro.

newborn poop color match 01 alt 722x406"Sono troppi 18 giorni senza fare la popò?", Ha chiesto una mamma di un bambino di 3 mesi.  Che ci crediate o no, sì, a volte va bene. Quanto tempo è troppo senza che il bambino faccia la popò?  La risposta dipende dall'età e dalla dieta, ma il più delle volte i bambini stanno bene pur avendo evacuazioni minime o nullo.  Ecco perché può trascorrere molto tempo tra un movimento intestinale e l'altro e solo quando è necessario ci si può preoccupare della costipazione e di altre rare emergenze mediche.

I bambini di età superiore alle otto settimane trascorrono spesso 4 o 5 giorni senza evacuare e non significa che siano costipati. I bambini allattati al seno, soprattutto se non hanno iniziato ancora a mangiare cibi solidi, possono facilmente trascorrere due settimane senza fare la popò, a partire dai 2-3 mesi. Il latte materno è esattamente ciò di cui il tuo bambino ha bisogno, e lascia poco scarto da far espellere al bambino.  

FacebookTwitterGoogle Bookmarks