Header new 707x180

 

womboflife by Marjory MejiaSin dalla comparsa della nostra prima mestruazione, siamo (in un certo qual senso indottrinate e quindi) indotte a sentirci in imbarazzo. Ci si aspetta da noi discrezione, così che nessuno si possa accorgere, possa vedere o sentire il nostro sangue fluire  o, in qualche modo,  indovinare che abbiamo le mestruazioni. Ci viene chiesto di continuare la nostra normale routine quotidiana, al lavoro o a scuola.

 

Ci addossiamo il peso del nostro lignaggio e il fardello di censura di nostra madre, delle nostre nonne, bisnonne, e così via…

E’ una zavorra che dobbiamo eliminare dal nostro zaino di vita, se vogliamo volare libere e aiutare le nostre sorelle e le nostre figlie a spalancare le ali insieme a noi.

E così, noi donne, in consapevolezza, ci ritroviamo unite in cerchio, mano per mano intorno ad un panno di lino morbido bordato con quattro trecce per rappresentare le quattro energie connesse al nostro ciclo mestruale.  Facciamo tre respiri - uno per le ragazze in attesa di menarca, un altro per le donne nei loro anni di sanguinamento e una finale per le donne che tengono la Saggezza del sangue  all'interno. Chiediamo una  benedizione alle nostre antenate, alle nostre nonne.

Dipingere un mandala è un momento sacro, spontaneo, ricco di antichi simboli. Si tratta di una forza potente, senza inizio e senza fine, senza spigoli vivi e nessuna gerarchia.  Il colore rosso fluisce rappresentando il nostro sangue mensile. Cantando canzoni gioiose di festa ed in onore del nostro sangue femminile, dipingiamo, partendo dalle impronte delle nostre mani unite al centro della tela.

E’ un momento emozionante e passionale.

Le mani formicolano per l’intensa energia che circola.

E’ giunto il momento di chiudere.

Mano nella mano, inviamo energia di guarigione al mondo, come un sasso gettato con cura in uno stagno, crea onde senza fine. Usciamo, una catena di donne unite dal caldo e da una sensazione di caldo. La Terra ferma sotto i nostri piedi.

 

 

Inspired by redwisdom.co.uk

 

 

 

***********

 

 

 

custodi del filo rosso

 

FacebookTwitterGoogle Bookmarks