Header new 707x180

 

Laura GalliSono Laura, ho 32 anni e sono la mamma di Mia.

Quando ho partorito Mia, mio marito non c'era, era in viaggio per lavoro e ricordo che quando sono cominciati i dolori ero disperata, pensavo che da sola non avrei mai potuto farcela. Ad un certo punto mi sono fermata e ho pensato che, nonostante ovviamente il suo supporto mi mancasse molto, ma in quel momento la natura avrebbe fatto il suo corso e io e la mia bambina avevamo tutte le competenze per nascere, lei letteralmente e io come madre.

Questo mi ha dato una forza che non credevo di possedere e mi è stato di fondamentale aiuto anche nell'avvio dell'allattamento.

 

 

 

I primi giorni in ospedale sono stati piuttosto stressanti, Mia faceva fatica ad attaccarsi perchè aveva fame ma non usciva niente, lei si spazientiva in fretta e iniziava a piangere e piú piangeva e meno riusciva ad attaccarsi.

A condire il tutto una buona dose di consigli e teorie da parenti, amici, infermiere e passanti vari.

Una volta arrivate a casa, un pò piú tranquille, ci siamo prese il nostro tempo, abbiamo iniziato a conoscerci  e l'allattamento si è finalmente avviato serenamente.

Adesso se ripenso alle notti passate a cambiarci il pigiama 2 o 3 volte perchè eravamo entrambe fradice di latte, sorrido.

Allora, però, non nascondo che questa cosa mi creava un certo imbarazzo.

Avevo un riflesso di emissione molto forte e spesso quando allattavo Mia. il latte le andava di traverso quindi si staccava di colpo e, se non ero pronta a coprire il seno con un asciugamano, inffaffiavo letteralmente chi avevo di fronte.

Per i primi tre mesi giravo con 2 magliette e almeno un paio di asciugamani nella borsa.

Poi piano piano la produzione di latte si è regolarizzata.

Adesso Mia ha 14 mesi e il nostro percorso di allattamento continua felicemente.

 

Laura è una Mamma alla Pari/ Peer Supporter Allattamento in formazione

FacebookTwitterGoogle Bookmarks