world prematurity day17 novembre, la giornata si tinge di viola per ricordare la Prematurità.

Viola, un colore nato dal blu e dal rosso.

Blu, come la saggezza, la calma e la malinconia

La saggezza di un padre che cresce ogni giorno insieme ai grammi conquistati da quel corpicino e dal coraggio di lottare per prendersi cura di lui e proteggere la sua famiglia.

La calma di una madre nel cambiare quel micro pannolino attraverso due buchi nel vetro, quasi sfiorando quel piccolo bimbo per paura di staccare qualche tubicino.

La malinconia nel tornare a casa senza il proprio bimbo e senza sapere per quanto tempo dovrà stare lontano dalla sua mamma e dal suo papà.

 

 

Rosso, come l'amore, la forza, l'energia. 

L'amore di una madre che nonostante la sua fragilità e le sue insicurezze, avvicina quel corpicino al suo petto per la prima volta e cerca tra le lacrime di entrambi l'imprinting spezzato.

La forza di un padre nel sostenere la sua compagna, e di una madre nel farsi chilometri, col dolore per la cicatrice ancora fresca, per tornare ogni giorno da quel bimbo che l'aspetta dietro il vetro.

L'energia di una madre e di un padre nell'affrontare qualcosa di inaspettato, imprevisto, fuori da ogni programma. 

 

Viola, come la spiritualità, l'empatia, la metamorfosi.

La spiritualità che quel piccolo cucciolo risveglia nell'animo di chi con la punta di un dito gli accarezza la testa.

L'empatia che si diffonde tra le mamme e i papà davanti a quei monitor che con le loro musichette senza ritmo e senza melodia, fanno compagnia ai piccoli guerrieri.

La metamorfosi che rende quei piccoli bruchi, farfalle meravigliose forti e combattenti.

 

A tutte le mamme che hanno affrontato l'esperienza della prematurità: siate orgogliose e fiere dei vostri cuccioli, ma soprattutto di voi stesse, avete affrontato paure e delusioni, coraggio e speranza, forza e malinconia... per amore dei vostri piccoli.

A tutte le mamme che stanno affrontando questa esperienza: niente avviene per caso, grammo dopo grammo, giorno dopo giorno, arriverà il momento in cui lo porterete a casa e avrete la forza e l'energia per recuperare il legame spezzato prima del tempo.

A tutti i piccoli guerrieri: dietro quei pochi centinaia di grammi, si nasconde una forza di lottare indescrivibile, ma anche tanto bisogno di affetto, contenimento, calore, abbraccio... di casa.

Nati prima del tempo, che abbiate avuto bisogno più o meno del supporto della Terapia Intensiva, possiate ritrovare al più presto le braccia della vostra mamma... diventata mamma prima del tempo e probabilmente non pronta per questo ruolo, ma insieme il vostro percorso di crescita sarà ricco d'amore e di racconti, di abbracci, di calore, di affetto... sarà casa.

 

Laura Capossele

Dott.ssa Ostetrica

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FacebookTwitterGoogle Bookmarks