Header new 707x180

 

22279900 515417122142272 3417030927149535396 nUn tempo la nascita di un figlio era una questione di donne gli uomini rimanevano fuori dalla porta e solo quando il bambino era nato venivano informati e coinvolti.
Il cambiamento avvenuto è grande per l'uomo, non è scontato e facilmente crea confusione nei ruoli.
Gli si chiede di lasciar emergere ed usare la sua parte più femminile per essere sostegno fisico ed emotivo alla donna durante il travaglio e il parto.
Ci si attende da lui che sappia essere una salda protezione dell'ambiente ospedaliero e ancora ci si aspetta che sostenga e protegga la nuova famiglia nel dopo parto.

Tutto questo senza avere in eredità una figura paterna che risponda a queste aspettative.
Abbiamo coinvolto i papà in questo evento così importante, ma non li abbiamo dato il tempo per prepararsi.
Quanti corsi nascita prevedono incontri di coppia? E anche in questo caso, quanti incontri sono previsti per loro? Considerando che a differenza delle donne, loro non hanno tutti quei processi fisiologici ormonali che li porteranno verso il partorire, forse hanno necessità di una preparazione alla nascita tanto importante quanto lo è per le future mamme. Se poi pensiamo che questo progetto di diventare genitori lo si fa in due nella maggior parte delle volte, e che al rientro a casa si è di nuovo in due davanti a quel nuovo nato, credo sia doveroso coinvolgere entrambi in un percorso di consapevolezza sul periodo perinatale.

Articolo a cura della Dott.ssa Laura Capossele

 
"Perchè più si diventa grandi più te la fai sotto
e quando meno te l'aspetti
ti arriva un cazzotto
e ti risvegli che hai trent'anni e giochi a nascondino vorresti tutto il mondo chiuso in un pannolino.
Promettimi che non farai il cantautore di certo diventerai un uomo migliore, aiutami ad imparare
questo nuovo mestiere di padre."
 
Simone Cristicchi (Insegnami)

FacebookTwitterGoogle Bookmarks