Header new 707x180

 

25398763 511434099224900 8793712700283865663 nSappiamo quanto sia importante l'allattamento al seno per la salute dei bambini e delle loro madri.
L'allattamento al seno può ridurre il rischio di infezioni dell'orecchio, gastrointestinali o respiratorie. La ricerca ha suggerito che l'allattamento al seno potrebbe prevenire il 57% dei ricoveri ospedalieri per infezioni respiratorie.
L'influenza è un'infezione virale altamente contagiosa che si diffonde per contatto con i liquidi da tosse e starnuti.
4 motivi per cui le madri che allattano al seno con influenza non devono essere separate dai loro bambini :

# 1: La maggior parte delle infezioni virali sono infettive già prima che si verifichino i sintomi. Quando si rileva un virus, esiste un periodo noto come periodo di incubazione. Questo è il tempo che intercorre tra l'esposizione iniziale a un'infezione e l'apparizione dei primi sintomi. Il periodo di incubazione tipico per l'influenza è 1-4 giorni. Il virus può essere trasmesso alcuni giorni prima che compaiano i sintomi. Ciò significa che una madre che ha contratto l'influenza può trasmettere il virus al suo bambino prima che lei sia a conoscenza di qualsiasi sintomo. Le madri che allattano e i loro bambini condividono lo stesso ambiente. Pertanto, se una madre ha contratto un'infezione, c'è una forte possibilità che anche il suo bambino l' abbia contratta. Non c'è assolutamente alcun motivo a questo punto di separare una madre e il suo bambino se entrambi hanno la stessa infezione.

# 2: tosse e febbre non significano necessariamente influenza. Le infezioni delle vie respiratorie sono comuni. Si stima che ogni persona abbia circa tre casi di infezioni respiratorie ogni anno. Non tutte queste infezioni respiratorie sono dovute all'influenza. Non tutti coloro che hanno contratto un'influenza potenziale si precipitano da un medico per essere sottoposti a test per l'influenza. Di conseguenza, una diagnosi di influenza può essere ritardata o non eseguita affatto. È estremamente irrealistico per una madre che allatta smettere di allattare e separarsi dal suo bambino al primo segnale di tosse e febbre.

# 3: L'allattamento al seno aiuta effettivamente a proteggere un bambino per via della protezione immunologica che l'allattamento al seno fornisce al bambino stesso. Quando il corpo della mamma combatte contro un'infezione virale, il suo latte aiuta a proteggere il suo bambino trasmettendo fattori di protezione immunitaria (ad esempio anticorpi).
Le prove mostrano che l'allattamento al seno riduce il rischio di infezione, anche quando la madre stessa ha un' infezione. Se il bambino dovesse contrarre l'infezione, l'allattamento al seno può aiutarlo a recuperare più rapidamente.

# 4: Interrompere l'allattamento al seno può avere conseguenze disastrose .Separare una madre che allatta dal suo bambino, anche per un breve periodo di tempo, può avere conseguenze negative. L'allattamento al seno offre ai bambini più della semplice nutrizione. Fornisce loro un senso di sicurezza, calore e comfort. Fermare l'allattamento al seno, anche se solo per un breve periodo, può essere emotivamente molto traumatico per il bambino. Non essere allattati al seno aumenta effettivamente il rischio di infezione nel bambino! Smettere di allattare al seno, anche temporaneamente, non è positivo neanche per la salute del seno della madre. Aumenta il rischio di ingorgo, dotti ostruiti e mastiti. Aumenta anche il rischio di una riduzione della quantità del Latte Materno.
Quindi, come potete appurare, non esiste nessun motivo reale per allontanare da Voi il vostro bambino per paura di potergli causare un malanno!

Il Latte Materno è molto più che un semplice cibo!

 

Traduzione e adattamento a cura di : Maria Chiara Spadoni

 

Bibliografia :

www.bellybelly.com.au

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1782718/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=decreased+thymus+size+in+formula+fed+infants+1996

http://pediatrics.aappublications.org/content/134/Supplement_1/S13.full

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26869575

FacebookTwitterGoogle Bookmarks