Header new 707x180

 

cicatrice cesareoPer alcune persone una cicatrice può essere sinonimo di buone notizie: nascita di un bambino, un'operazione che ci permette di guarire da una certa malattia o di essere salvati da un incidente. Per altre persone, le cicatrici sono un fardello emotivo difficile da accettare tanto da far nascere un disagio fisico: la cicatrice è addormentata, gonfia, dolorosa, ha aderenze o può essere difficile anche solo toccarla.

In ogni caso e indipendentemente dalle loro dimensioni, le cicatrici non devono essere prese alla leggera.

In questo senso, approcci complementari al benessere, offrono metodi per "riconciliarsi" con le proprie cicatrici fisiche, mentali ed emotive.

 

 

Abbiamo già parlato del trattamento di Armonizzazione della  Cicatricementre questo articolo è tratto da un’intervista che Holistia (un progetto francese) ha fatto a tre esperti che trattano regolarmente le cicatrici:

I professionisti Daniel Schenker e Irene Scheidegger - esperti nello Shiatsu e nella terapia craniosacrale- hanno sviluppato le proprie tecniche per il trattamento delle cicatrici lavorando sulle fasce.

Véronique Trabujo Practise  Massage Therapist (TMA) e Doula, offre laboratori per affrontare le cicatrici post cesareo.

Tanja Grüninger è esperta di agopuntura, con qualifica specializzata dal 2005 nel sostegno alle donne prima, durante e dopo la nascita.

 

Perché è importante trattare una cicatrice?

Tanja Grüninger: Le cicatrici possono dare fastidi o causare malattie perché bloccano il flusso dell'energia vitale (Qi) sui meridiani. La dimensione della cicatrice non ha importanza. Quando si verifica un'ostruzione c'è, da un lato, una stasi del flusso di energia e dolori lancinanti e, dall'altra parte, come un vuoto e una sensazione di intorpidimento. I sintomi possono anche essere percepiti in un luogo molto diverso da quello in cui si è verificata la cicatrice. Quando la cicatrice è visibile, una riduzione delle sue dimensioni può anche influire positivamente sull'autostima. Anche le conseguenze a lungo termine come la sensibilità al cambiamento climatico, intorpidimento, perdita di sensibilità o sensazione di cicatrice durante lo stress fisico o emotivo possono essere risolte.

Véronique Trabujo: Una cicatrice è il risultato di una procedura chirurgica il che non è un evento innocuo per il corpo, non è naturale per lui essere tagliato, cucito. La cicatrice è il risultato di un'azione al di fuori del corpo fatta per ripararla, per la sua sopravvivenza. È un atto importante che il corpo ricorda a diversi livelli: fisico, emotivo, energetico. Se consideriamo che ci sono flussi nel corpo, nel caso di cicatrici, alcuni flussi sono stati tagliati ed è necessario ripristinarne il collegamento e riequilibrarli.

Daniel Schenker e Irene Scheidegger: Le cicatrici possono causare adesioni fasciali durante il loro processo di guarigione. Queste adesioni possono essere rinforzate nel corso degli anni. Questo dato di solito non è visibile dall'esterno e deve essere testato. Le cicatrici possono causare problemi in luoghi completamente diversi nel corpo. Un taglio cesareo può, ad esempio, causare problemi alla schiena o dolore alla spalla, una cicatrice sul piede può causare problemi all'anca. Oltre agli effetti fisici, le cicatrici possono anche lasciare tracce a livello mentale ed emotivo e generare traumi.

 

Come funziona il tuo metodo?

Tanja Grüninger: Il metodo rinforza principalmente il Qi e il sangue per promuovere la guarigione e accelerare la guarigione delle ferite. Attraverso il trattamento del tessuto cicatriziale, il flusso di energia viene stimolato ed equilibrato e il meccanismo di auto-guarigione può iniziare. Io uso principalmente l'agopuntura laser per questo trattamento - una forma moderna di agopuntura tradizionale con aghi.

Véronique Trabujo: È un massaggio più o meno delicato a seconda dell'età della cicatrice che combina i metodi di riflessologia e il metodo di Grinberg. Se la cicatrice è fresca, sarà molto morbida e se la cicatrice è più vecchia il massaggio potrebbe essere più profondo. Il massaggio è sempre associato alle istruzioni per prestare attenzione alle sensazioni del corpo e / o alla respirazione.

Daniel Schenker e Irene Scheidegger: Testiamo la cicatrice millimetro per millimetro. "Sottolineando" delicatamente la cicatrice, il tessuto cicatriziale risponde in profondità. Trattiamo poi strato dopo strato fino a quando il tessuto si sente morbido e privo di tensione. Il paziente sente se qualcosa sta accadendo. La reazione fisica non ha bisogno di accadere precisamente nella posizione della cicatrice, può essere percepita in un punto completamente diverso nel corpo. Il trattamento che abbiamo sviluppato dalla nostra esperienza come terapeuti si basa sui principi di Shiatsu e fascioterapia.

 

Il trattamento fa male?

Véronique Trabujo: Alcune cicatrici sono insensibili per alcuni o dolorose per gli altri. Dipende dalla persona. Il lavoro sulla cicatrice può essere percepito come doloroso perché si risveglia l'area al tatto. Alcune cicatrici disturbano perché irritano, prudono. Il lavoro sulla cicatrice aiuta a calmare il disagio ad esso associato.

Daniel Schenker e Irene Scheidegger: Il trattamento può bruciare, tirare o "pungere" perché il tessuto si rilassa e deve riorganizzarsi di nuovo. Ogni corpo reagisce in modo diverso al trattamento.

Tanja Grüninger: L'agopuntura laser può essere considerata una sorta di terapia della luce ed è completamente indolore. La luce laser altamente concentrata penetra in profondità nel tessuto e può stimolare il tessuto in più strati.

 

Quanti trattamenti sono necessari?

Daniel Schenker e Irene Scheidegger: Dipende dalla persona, dallo stato dei suoi tessuti e dal grado di adesione. Nella maggior parte dei casi, è necessaria una sola sessione che può durare fino a due ore. Può accadere che una persona senta, dopo magari cinque anni, un leggero ritorno del problema il che è un segno di riequilibrio della cicatrice. Nei casi più gravi, ci vogliono due o tre sessioni.

Véronique Trabujo: Possiamo curare le cicatrici poche ore dopo l'operazione (senza massaggiare o toccare), con il lavoro di energia e quindi possiamo prendercene cura per tutta la vita se è una cicatrice che richiede attenzione in determinati periodi della sua vita. È importante prendersi cura della cicatrice massaggiandola (ci sono oli e creme molto buoni, osare toccarla, osare far circolare i flussi, l'energia nell'area operata in modo che il corpo può essere riparato al meglio, se no, ci prenderemo cura di esso fino a quando la cicatrice non si sentirà a suo agio, potremo tornare alla cicatrice qualche anno dopo, se necessario. Il corpo manifesta il suo bisogno con una sensazione spiacevole.

Tanja Grüninger: A seconda della gravità e dell'età della cicatrice sono necessari da 5 a 10 trattamenti. Sarà una decisione individuale discussa con il paziente. Raccomando che i miei clienti usino anche un laser portatile a casa, che possono noleggiare, per accelerare la guarigione.

È possibile trattare una vecchia cicatrice?

Tanja Grüninger: La terapia laser può trattare vecchie cicatrici o anche cicatrici infiammate. Di regola, le vecchie ferite non scompaiono del tutto. I cheloidi (crescita eccessiva) possono essere solo moderatamente ridotti. Tuttavia, le interferenze energetiche o altri disturbi causati dalla cicatrice sono generalmente completamente risolti.

Véronique Trabujo: Come ho detto prima, puoi prenderti cura di una cicatrice in qualsiasi momento. Spesso esiste un collegamento tra uno specifico dolore e vecchie cicatrici che non sono state affrontate. Può essere dolore nella parte bassa della schiena, ma anche ai fianchi, alle ginocchia, all'addome, alla cattiva digestione, nella mancanza di libido

Daniel Schenker e Irene Scheidegger: Sì, certamente. Una vecchia cicatrice non trattata ha richiesto più tempo per avere effetti sul corpo rispetto a una cicatrice recente, quindi l'importanza del trattamento. L'età non ha alcun ruolo nelle cicatrici, il corpo non dimentica. A volte i pazienti soffrono di dolore che non riescono a legare alla cicatrice, e poi si scopre che, ad esempio, un dolore correlato all'anca destra era dovuto a una cicatrice di 15 anni su una punta nel piede sinistro.

 

Cosa fare con una cicatrice fresca?

Daniel Schenker e Irene Scheidegger: Raccomandiamo di trattare la cicatrice il prima possibile. Dopo l'intervento, aspettiamo circa otto settimane affinché la cicatrice sia completamente guarita per iniziare il trattamento.

Tanja Grüninger: Mediante la terapia con "laser a basso livello" si possono trattare cicatrici fresche o una scarsa cicatrizzazione delle ferite. Quanto segue si applica: prima il trattamento, migliore è il risultato. L'irradiazione laser stimola la circolazione, allevia il dolore, riduce l'infiammazione, migliora la circolazione e riduce il gonfiore. Inoltre, il rischio di infezione è ridotto e il processo di guarigione è accelerato. I laser utilizzati sono regolati in modo che non si verifichino effetti termici durante il trattamento. Pertanto, nessun tessuto viene rimosso o distrutto.

Véronique Trabujo: Se hai appena subito un intervento chirurgico, è importante riposare, seguire le istruzioni del medico. Offro assistenza affinché la persona si riprenda a livello della sua cicatrice esterna, e anche perché "guarisca" internamente le sue emozioni, le sue paure legate all'anestesia, all'ospedale, alla sorpresa, al disagio che segue le operazioni. Si tratta di permettere alla giovane madre di rilassarsi oltre le sue paure, di rilassare le sue tensioni in relazione all'operazione (collo, spalle, bacino), per accogliere le emozioni legate al parto cesareo (frustrazione, senso di colpa, rabbia, stanchezza, tristezza, mancanza di riconoscimento ...). Questo è molto importante, libera il corpo e le  consente di accogliere meglio questa nascita.

 

Articolo a cura di Marika Novaresio

VBAC Professional Member

 

 

SE VUOI SAPERE DOVE TROVARE UN'ARMONIZZATRICE VICINO A TE CLICCA QUI : MAPPATURA

 

Il Progetto VBAC Italia è anche presente su facebook e su Instagram

 

FacebookTwitterGoogle Bookmarks