Header new 707x180

 

Lautocorrezione nei bambini"Spesso mamma mi segnalava la mancanza di accenti o di punteggiatura nei miei testi.

Io restavo ermetico di fronte a queste osservazioni , fatte senza insistenza e con

 la sottesa fiducia che sarebbe giunto il momento in cui avrei iniziato a mettere, 

di mio, gli accenti e le virgole."

"Un giorno, durante una di quelle lunghe estati che trascorrevamo a Lézan a 

casa dei miei nonni, un nostro amico apicultore (che avevo visto qualche anno 

prima, far scivolare a mani nude uno sciame di api selvatiche dentro un alveare) 

iniziò a leggere ad alta voce il mio libro di riflessioni sulla produzione di oggetti 

di ottone fuso. 

Sinceramente interessato, mi disse alla fine della lettura, alla quale assistetti 

senza perdere una parola : " questo libro è molto interessante e ben scritto,

mancano solo degli accenti e delle virgole..." da quel giorno non ho più saltato 

un solo accento o un simbolo di punteggiatura nei miei scritti... Mi ero sbloccato"

 

[Traduzione da "Et je ne suis jamais allé à l'école", Andre Stern, ora tradotto in italiano Ed. Nutrimenti]

Un semplice episodio di vita è un (micro)cosmo. Lo possiamo comprendere a partire da noi stessi, senza astrazioni: ogni informazione che ci passa davanti ci può raggiungere solo se, in quel determinato momento, siamo pronti per accoglierla.

Un minestrone di nozioni ed informazioni potrà essere recepito solo sotto obbligatoria prescrizione e, contemporaneamente, non porterà a nulla se non ad un effimero fuoco di paglia.

Il giudizio, poi, deteriora l'impulso vitale. Rende schiavi. Non è un concetto rivoluzionario,bensì un fatto naturale di cui possiamo prenderci cura! Il passo difficile è lavorare per lasciarsi alle spalle questo retaggio, è quasi pionieristico!

A volte io stessa, come madre, mi trovo a faticare per sciogliere quei nodi che bloccano il fluire di fiducia incondizionata verso il presente e il futuro.

Ricordo a me stessa che la libertà (propria ed altrui) e la fiducia, sua inscindibile compagna, sono condizioni naturali, il cui suono sembra strano ed anomalo perché non ne abbiamo una vera memoria o esperienza di vita in senso puro. Il dubbio o la fiducia che si concede al prossimo è strettamente connesso con i dubbi e la fiducia che serbiamo in noi stessi. Siamo artefici della serenità e della libertà nostra e possiamo gettare per quella dei nostri figli.

Non è intenso quanto meraviglioso?

FacebookTwitterGoogle Bookmarks