Header new 707x180

 

PedagogiaIl corso si articolerà in 6 incontri: il 1° e il 2° incontro aperto a tutti gli altri rivolti a professionisti del settore infantile (educatori, genitori homeschooler, babysitter, insegnati ecc ecc)

1) presentazione e domande
- lʼapprendimento prenatale come punto di partenza per la costruzione delle proprie modalità relazionali
- memoria procedurale e memoria corporea come mediatori nelle relazioni e nei processi di apprendimento
- la comunicazione non verbale e il linguaggio del corpo
- ruolo delle emozioni nei processi comunicativi e relazionali
- lʼimportanza della comunicazione con se stessi, prima ancora che con gli altri - obiettivi ben formulati e atteggiamento mentale positivo

2) Breve presentazione: chi sono, cosa faccio, perchè..?
- Domanda aperta e riflessione (da riprende alla fine del percorso e rivedere/ modificare/condividere): Che tipo di genitore/adulto vorresti essere nel tuo ruolo di accompagnatore ed educatore agli occhi dei bambini di oggi oggi, adulti di domani?
- Come apprende l'essere umano (apprendimento naturale e spontaneo, se il contesto lo permette; si apprende per tutta la vita, senza stress e senza costrizioni)
- Il ruolo del bambino ed il compito dell'adulto educatore
- La centralità della relazione come veicolo di apprendimento efficace
- L'educazione emozionale
- La centralità del gioco come strumento didattico interdisciplinare e globale (non si apprende per "cassettini di materie")
- Qualche spunto pratico: come avviare la letto-scrittura e l'amore verso il mondo dei numeri

3) i bisogni dellʼuomo (adulto o bambino) inteso come sistema in costante relazione col suo ambiente
- lʼautostima: lʼimportanza che ha nello sviluppo del sé e come e quanto questa possa essere influenzata dalle esperienze
- gestione delle emozioni per una comunicazione più efficace e per una maggiore consapevolezza di sé
- stress, coping, locus of control; alcuni concetti chiave per comprendere le modalità di inter-azione fra individui
- differenza fra importanza e urgenza per una più funzionale selezione e organizzazione degli obiettivi (siano essi relazionali, di consapevolezza e/o di apprendimento)
- differenza fra empatia e contagio emotivo nella relazione con lʼaltro
- matching e mirroring, due strumenti per sintonizzarsi con i bisogni dellʼaltro, pur sempre mantenendo il contatto con i bisogni personali
- approccio Love

4)  i tre postulati della comunicazione
- Pnl e importanza del linguaggio nella relazione sia con lʼaltro che con noi stessi e nel modo di interpretare la realtà che ci circonda
- sistemi rappresentazionali, la chiave di lettura attraverso cui interagiamo con lʼesterno, apprendiamo e creiamo le nostre rappresentazioni interne di noi stessi, gli altri, il mondo
- analisi transazionale, come analisi delle dinamiche di ruolo che possono presentarsi nelle relazioni fra due individui
- metaprogrammi: i diversi modi di interpretare le informazioni, elaborarle e riutilizzarle.
- obiettivi della comunicazione
- filtri metalinguistici e possibili errori
- alcuni strumenti per una comunicazione più efficace

5)  Svecchiamo la scuola: breve escursus sulla nascita della scuola e su come NON è cambiata dagli inizi del '900 ad oggi(qualche pedagogista: Montessori, Steiner, Pestalozzi, Dewey, Vygostkij, altri pedagogisti dell'Attivismo...)
- Quali tipi di pedagogia: dolce, bianca, empatica, libertaria, della lentezza, del sorriso vs pedagogia nera

- Cosa ci suggeriscono le neuroscienze (video Daniela Lucangeli)
- Quale obiettivo della scuola? E quale ruolo dell'educatore? (Ben-essere, felicità, autonomia, futuri adulti liberi, consapevoli)
- Non esistono più i "programmi ministeriali"! (Indicazioni Nazionali per il Curricolo: Campi di Esperienza - Competenze sc. Primaria; Skills for Life OMS) - L'importanza del setting (indoor e outdoor: pedagogia in natura)

6) L'errore come risorsa
- Premi e punizioni: modalità efficaci?
- La scuola della gratuitità
- L'autoapprendimento, l'autoregolazione e l'autovalutazione: promuovere il proprio e personale senso critico
- Proposte di apprendimento multidisciplinari ed interdisciplinari: Esempi pratici di progetti "alternativi" per apprendere in modo globale (orto, cucina, leggere...)
- Suggerimenti pratici: portali, pagine FB libri, libri e sussidi didattici

 

Relatrici : Marta Reinero e Lisa Turrini

FacebookTwitterGoogle Bookmarks