Header new 707x180

 

494D61FB 63DB 4AC0 9AEE D5CA658D495CQuesta sera poco dopo le 20 sorgerà la prima luna piena di questo nuovo anno. Una luna speciale perchè coinciderà anche con un’eclissi di luna.
La luna di gennaio è chiamata anche “vecchia Luna” o “Luna del lupo” e si riferisce a plenilunio dopo il solstizio invernale, il giorno più buio dell’anno. Siamo nel cuore dell’inverno, le notti sono lunghe e fredde, di quelle che vedevano i lupi anticamente ululare sulle colline.

La natura è spoglia, spesso coperta di neve e tutto sembra dormire profondamente. In natura, c’è ovunque silenzio ed attesa.
Ogni cosa sembra raccolta per proteggersi. Gli alberi hanno lasciato cadere le loro foglie per non sprecare energia, gli animali si sono ritirati nelle loro tane per tenersi al caldo. Ovunque c’è quiete e silenzio. La natura sembra stia sognando.
Pulizia, raccoglimento, sogno, attesa: gli insegnamenti della natura che ci invita a ritirarci nel nostro profondo, a raccogliere le nostre energie per ripartire, per dare inizio a un processo creativo, come un seme che dorme nella terra che lo nutre.
La mancanza di luce influisce molto sull’umore rendendo spesso difficile andare in profondità.
Ci si può ritrovare ad affrontare alcuni blocchi che avremo preferito lasciare sepolti, scoprire che alcune ferite non si sono ancora cicatrizzate. E’ importante imparare a fluire assieme alla natura per vivere questo momento nel migliore dei modi, senza timore di scavare dentro di noi, i diamanti non si trovano in superficie.
Scavando si impara a lasciar andare ciò che non serve e come insegna la natura: lasciar andare ti permette di andare avanti.
Un albero non resisterebbe all’inverno se non lasciasse andare le foglie, le sue energie devono preservare l’essenziale per poter rinascere in primavera.
Questa Luna del Lupo ti permette di capire il valore delle cose, di spogliarti di tutto ciò che è superfluo.
Che questa Luna possa illuminare il nostro percorso verso la nostra essenza, sognando, immaginando e piantando i semi del futuro.


A cura di Custodi del Femminino
(Fonti: Eticamente.net)

FacebookTwitterGoogle Bookmarks