Header new 707x180

 

7 benefici allattamtoFino a quando non si è diffusa l’introduzione del latte formulato, molti bambini venivano allattati al seno per 2 o 3 anni e anche di più. Purtroppo, ai giorni nostri si è persa la concezione della fisiologica durata dell'allattamento, tant'è che molte madri si trovano a dover giustificare la "scelta" di allattare al seno la propria bambina/ il proprio bambino-non neonato.

Ad acuire questa situazione, si uniscono falsi miti sull'allattamento, a partire dalla credenza che il latte perda le sue proprietà benefiche con il passare dei mesi/anni.

 

L’importanza dell’allattamento è ampiamente riconosciuta, mentre la sua durata è ancora oggetto di controversie socio-culturali.

Le evidenze scientifiche confermano che l'importanza dell'allattamento al seno non si limita ai primi mesi e continua per tutta la sua durata, sia per la salute materna che per quella infantile. Le principali organizzazioni sanitarie, come l'OMS, lo riconoscono e raccomandano l'allattamento al seno per 2 anni e oltre. Tuttavia, soprattutto nei paesi maggiormente industrializzati, la percentuale dei bambini allattati oltre l’anno di età, rimane esigua.

Ecco 7 dei moltissimi vantaggi che apporta l'allattamento al seno a termine:

# 1: E' una preziosa fonte di nutrimento: il latte materno rimane una preziosa fonte di nutrimento nella dieta di un bambino.

La ricerca ha dimostrato che tra il 12 e il 23 mese, l'assunzione media di latte materno è 448 ml al giorno, e tale quantità fornisce al bambino:

- il 29% del suo fabbisogno energetico;

- il 43% di proteine di cui ha bisogno;

- il 94% di vitamina B12; il 76% del fabbisogno di folati;

- il 60% di vitamina C; il 70% di iodio;

oltre a ciò il latte materno fornisce anche una preziosa fonte di acidi grassi polinsaturi a catena lunga - acido docosaesaenoico (DHA) e acido arachodonic (AA) - che sono importanti per il cervello e per il normale sviluppo dell'occhio.

Dal momento che la maggioranza dei bambini di 1-2 anni ha basso apporto di DHA, il latte materno può aiutare soddisfando questo requisito.

# 2: Dona supporto allo sviluppo e all'equilibrio emozionale.

Le critiche all'allattamento spesso orientano il proprio focus "solo" sugli aspetti nutrizionali dell'allattamento. Tuttavia, è importante considerare anche i bisogni emotivi di un bambino/ una bambina. Non a caso, le madri spesso citano anche questi benefici emotivi tra i motivi importanti per continuare con l'allattamento al seno del proprio bambino/della propria bambina "più grande". Molte madri trovano che l'allattamento al seno sia un ottimo modo per 'riconnettersi' con i loro figli/le loro figlie dopo essere stati separati da loro tutto o parte del giorno o dopo una lunga giornata di scuola, per esempio. I bambini stessi spiegano come l'allattamento al seno li faccia sentire felici e quanto il latte sia buono, caldo, amore e coccola.

In effetti, l'allattamento al seno è uno spontaneo strumento nel percorso di genitorialità, per supportare la crescita delle bambine/ dei bambini e dare loro comfort... Ad esempio, alcuni bambini più grandi chiedono il seno quando si fanno male o sono stanchi.

Ricerche scientifiche hanno evidenziato una connesione durata-effetto chiara tra allattamento al seno e vari esiti di salute, il che significa che più lunga è la durata dell'allattamento al seno, migliori sono i benefici. Ogni volta che viene trovata una relazione durata-effetto, i ricercatori possono confermare da un punto di vista scientifico quelle che erano additate come ipotesi. Qui di seguito sono elencati  alcuni ulteriori vantaggi dell'allattamento al seno, alla luce delle evidenze scientifiche sulla base della relazione durata-effetto.

# 3: Supporto immunologico per il bambino L'allattamento al seno fornisce al bambino un valido supporto immunologico. Sono diversi i fattori presenti nel latte materno (ad esempio IgA secretorie, lattoferrina e lisozima) che continuano a fornire una protezione immunitaria per un bambino, anche nel secondo anno della lattazione.

La ricerca ha scoperto che più dura l'allattamento più i bambini hanno un minor numero di episodi di malattia.

# 4: Riduzione del rischio di cancro al seno materno.

La ricerca ha dimostrato una relazione durata-effetto chiara tra allattamento al seno e rischio di cancro al seno, il che significa che più una madre allatta, minore è il rischio di cancro al seno. Uno studio ha confrontato le donne che allattano per un totale di 11 mesi, con le donne che allattato per 12-23, 24-35 e 36-47 mesi. Si è rilevata una riduzione del rischio di cancro al seno rispettivamente del  66,3%, 87,4% e 94%. Uno studio a livello mondiale sul rischio di cancro al seno condotto con un campione preso in 30 paesi, ha rilevato che il rischio relativo di cancro al seno si riduce del 4,3% per ogni 12 mesi di allattamento al seno, se confrontato con il rischio nelle donne che non avevano mai allattato al seno, o che avevano allattato al seno per un breve periodo di tempo. 

# 5: Riduzione del rischio di malattie cardiovascolari materne.

Alcune ricerche hanno dimostrato che le donne con una storia di vita di allattamento al seno superiore a 12 mesi hanno meno probabilità di sviluppare ipertensione, diabete, iperlipidemia o malattie cardiovascolari.

# 6: Riduzione del rischio obesità.

La ricerca scientifica continua a confermare una relazione durata-effetto tra l'obesità e l'allattamento al seno; maggiore è la durata dell’allattamento al seno, maggiore sarà la protezione contro l'obesità. Nello specifico, uno studio ha trovato una chiara relazione durata-effetto tra la durata dell'allattamento al seno e il rischio di obesità, deducendo che la durata dell’ allattamento può essere un significativo fattore protettivo. Un altro studio ha rilevato che i bambini che hanno interrotto l'allattamento al seno prima dei 18 mesi hanno guadagnato più peso da 12 a 24 mesi, se confrontato con i bambini allattati al seno per più di 18 mesi.

# 7: L’Enhanced Cognitive Development Research continua a dimostrare una connessione durata-effetto tra alto QI e l'allattamento al seno. Per esempio, uno studio, sulla base dei parametri "grado di QI" e "rendimento scolastico" ha rilevato che i bambine/i che sono state/i allattate/i al seno fino a 2 anni di età tendono ad avere i punteggi sempre più alti quanto più estesa è stata la durata dell'allattamento al seno. E 'probabile che il perno di questo fattore si collochi nel contatto fisico ed emotivo tra una madre e il suo bambino i quali, unitamente al latte materno, influenzano positivamente lo sviluppo cognitivo di una bambina/ un bambino.

Quindi, come si può vedere, ci sono molti vantaggi per allattare al seno - sia per voi che per il vostro bambino/la vostra bambina.

In conclusione, è importante prendersi un attimo per raccogliere tutte queste informazioni e armonizzarle con il proprio vissuto.

Si tratta di dati statistici, non di automatismi. Ogni singolo minuto di allattamento, ogni singola goccia di latte o colostro, ha donato a te e alla tua bambina/ al tuo bambino, un numero infinito di benefici. Hai davvero motivo di esserne orgogliosa!

 

Se hai bisogno di supporto in Allattamento, trova la Mamma Peer Supporter più vicina a te

Se vuoi diventare anche tu una Mamma Alla Pari/Peer Supporter in Allattamento, contattaci 

Se sei già una Mamma Alla Pari e ti interessa proseguire il tuo percorso di approfondimento, clicca qui

 

 

Fonte:

http://www.bellybelly.com.au/breastfeeding/breastfeeding-toddlers-7-benefits/ 

 

Studi e Ricerche scientifiche di riferimento :

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8444137

http://eurekamag.com/research/030/988/030988775.php

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19435826

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19435826

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19384111

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11236735

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/3633073

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25785349

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/

FacebookTwitterGoogle Bookmarks