Header new 707x180

 

gruppo associazioni e comitati a sostegno della donna 1Cesareo chiama sempre altro cesareo?

No.

Il VBAC (parto vaginale dopo cesareo) è un’alternativa sicura per la maggioranza delle donne, soprattutto in assenza di complicazioni mediche e se nel cesareo precedente l’incisione ha interessato il segmento uterino inferiore. L’ American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG) raccomanda di supportare le donne nella scelta del VBAC in ogni occasione possibile e scoraggia ogni politica restrittiva sul VBAC, ammonendo ogni tentativo di coercizione psicologica.

Un’ampia meta-analisi sul VBAC condotta dall’ Agency for Healthcare Research and Quality, ha concluso dicendo che il 74% delle donne che opta per un VBAC ha ottime probabilità di dare alla luce per via vaginale con successo.   

La più grande paura relativa al VBAC è la possibilità di rottura uterina: un evento estremamente raro che deve essere distinto, a sua volta, tra reale rottura uterina e deiscenza (per maggiori dettagli, vedi le linee guida)

 

Se stai valutando l’idea di un VBAC, ecco qui un paio di informazioni che ti possono essere utili:  

Se hai avuto un’incisione del segmento uterino inferiore, le possibilità di successo del VBAC aumentano. Questo tuttavia non significa che, in presenza di un’incisione verticale, il VBAC sia da escludere. 

Se hai già avuto un precedente parto vaginale, la percentuale di successo aumenta di tre volte.

Se il tuo precedente cesareo è stato determinato dalla posizione podalica della tua bambina/del tuo bambino e non per sofferenza fetale, anche qui le statistiche giocano a tuo favore. Ragionamento che non può essere traslato al contrario, ossia la situazione inversa non preclude il VBAC.

Maggiori possibilità di successo del VBAC sono collegate ad un avvio spontaneo del travaglio.

Gli esiti di benessere del VBAC sono numerosi e riguardano sia la salute materna che quella neonatale.

Le ondate delle contrazioni massaggiano e stimolano il tuo bambino/la tua bambina, preparandolo/a alla venuta alla luce (per questo motivo, salvo particolari situazioni in cui in bilanciamento rischi-benefici è inverso, è importante attendere l’avvio spontaneo del travaglio anche in caso di cesareo programmato).

Durante il travaglio, la tua bambina/il tuo bambino produce alti livelli di catecolamine (ormone dello stress), una reazione mammifera utile ad innestare la reazione “lotta o fuggi": questa reazione l’aiuta a prepararsi per entrare nel mondo delle tue braccia e dei tuoi sguardi.

 

Cosa aspettarsi durante un VBAC.

 

“Potevo sentire e vedere Laura farsi strada nel canale vaginale e ho sentito la sua testa incoronare.Che sensazione meravigliosa! Era morbida, piena di capelli, calda e umida. Ho accolto la sua testa massaggiando il mio perineo ed eccola sul mio corpo” [Elena, mamma di Laura]

Un VBAC procede esattamente come tutti gli altri parti: in un modo biologicamente e spiritualmente unico, personale, soggettivo. Proprio come tutti gli altri, diverso da tutti.

Il precedente cesareo non ha intaccato in alcun modo l’abilità del tuo corpo di dare alla luce. Conoscere la fisiologia del parto, con i suoi ritmi, è veramente importante. Informati quanto più ti è possibile, scegli le modalità che sono più nelle tue corde.

Alcune donne vivono una sorta di “stallo” proprio nel punto in cui il precedente travaglio è esitato in cesareo. Accogli questa informazione, falla vibrare nel tuo corpo, accettala e lascia che diventi una tua alleata.   

Anche la paura è un’emozione Potente! Accompagna la Nascita come saggio ed un umano elemento del circolo che abbraccia la Vita e la Morte. Durante il parto, diventa alleata preparandoti alla resa, all’abbandono ossia all’accoglienza.

Rimani in contatto con te stessa, con il tuo corpo e le tue emozioni.

Ascoltati, sei meravigliosamente Potente e Competente.

La Nascita è un evento unico ed  importante!

 

Tra i vari strumenti utili, siamo felici di mettere a tua disposizione le Linee Guida sul VBAC del RCOG (versione aggiornata ottobre 2015), tradotte in italiano da Marika Novaresio (Presidente dell’ass. Custodi Del Femminino) e distribuite dal Gruppo Associazioni e Comitati a sostengo della Nascita Rispettata (ass. Custodi del Femminino, Kyanos, Freedom for Birth, Rinascere al Naturale, Alma Mater, PariEdipiù, Coordinamento per la Nascita Rispettata e il Supporto in Allattamento – Puglia, Comitato per la Buona Nascita, Gruppo Ostetriche: Donne per le Donne)

Clicca qui per visionarle: Linee Guida sul VBAC - RCOG

 

FacebookTwitterGoogle Bookmarks