Header new 707x180

 

vbacPercorso Consapevolezza VBAC :

Gli incontri saranno tre e tratteranno :

  1. il lato scientifico ( Linee guide sul Vbac)
  2. il lato emotivo e pratico (piano del parto, accompagnamento al parto, gravidanza)
  3. rielaborazione del parto Cesareo precedente

Relatrici : Maria Chiara Spadoni, Dott.ssa Laura Capossele

Peer allattamentoChi è una Mamma alla Pari/ Peer Supporter?
Una Peer supporter è una mamma che ha unʼesperienza di allattamento di almeno 9 mesi, che riconosce lʼimportanza dellʼallattamento al seno secondo le linee guida dellʼOMS e che pertanto ritiene che il latte materno sia lʼalimento più indicato per i bambini almeno per il primo anno di vita ed alimento esclusivo per i primi 6 mesi.
Supporta le mamme che desiderano allattare sia da un punto di vista pratico che emotivo, non esegue diagnosi o prescrizioni ma riconosce in loro autonomia e capacità di autodeterminazione. Non offre soluzioni o “ricette” ma facilita nella madre lʼemergere e la presa di consapevolezza delle proprie competenze, rispettandone la libertà di scelta. Riconosce i limiti della sua azione e non si sostituisce a figure sanitarie in quanto opera nellʼambito della fisiologia. Eʼ in grado di facilitare nella madre la risoluzione di problematiche semplici legate allʼallattamento e di riconoscere problematiche complesse in modo da indirizzare correttamente alle professioniste competenti. Non è una professionista di nessun tipo, ma una figura di supporto che presta la sua opera gratuitamente .

Peer babywearingParleremo dei benefici del portare in fascia, le differenze tra i vari supporti e le legature base per introdurre i neogenitori a questo meraviglioso stile di accudimento.

Peer Babywearing :

- Fisiologia del Babywearing e benefici per portato e portatore

- Bonding,legame,canguro terapia e aspetti osteopatici

 

 

PedagogiaIl corso si articolerà in 6 incontri: il 1° e il 2° incontro aperto a tutti gli altri rivolti a professionisti del settore infantile (educatori, genitori homeschooler, babysitter, insegnati ecc ecc)

1) presentazione e domande
- lʼapprendimento prenatale come punto di partenza per la costruzione delle proprie modalità relazionali
- memoria procedurale e memoria corporea come mediatori nelle relazioni e nei processi di apprendimento
- la comunicazione non verbale e il linguaggio del corpo
- ruolo delle emozioni nei processi comunicativi e relazionali
- lʼimportanza della comunicazione con se stessi, prima ancora che con gli altri - obiettivi ben formulati e atteggiamento mentale positivo

2) Breve presentazione: chi sono, cosa faccio, perchè..?
- Domanda aperta e riflessione (da riprende alla fine del percorso e rivedere/ modificare/condividere): Che tipo di genitore/adulto vorresti essere nel tuo ruolo di accompagnatore ed educatore agli occhi dei bambini di oggi oggi, adulti di domani?
- Come apprende l'essere umano (apprendimento naturale e spontaneo, se il contesto lo permette; si apprende per tutta la vita, senza stress e senza costrizioni)
- Il ruolo del bambino ed il compito dell'adulto educatore
- La centralità della relazione come veicolo di apprendimento efficace
- L'educazione emozionale
- La centralità del gioco come strumento didattico interdisciplinare e globale (non si apprende per "cassettini di materie")
- Qualche spunto pratico: come avviare la letto-scrittura e l'amore verso il mondo dei numeri

perinataleUn Percorso che si articolerà in 11 incontri Per Genitori e Operatori del settore Materno-Infantile per approfondire i temi principale della Perinatalità :

1) Il valore psicologico dellʼattesa: dalla coppia alla triade:

Un viaggio nel percorso della genitorialità, dalla ricerca di un figlio, allʼattesa fino al suo arrivo nella coppia. Attraverso lʼimmaginario, le aspettative, i cambiamenti (psicoemotivi e corporei) e i vissuti del “diventare genitori”.

2) Endogestazione ed Esogestazione: 3 trimestri che si ripetono

3) Elementi di fisiologia del neonato e del bambino piccolo:

crescere insieme,dalla vita intrauterina allʼesogestazione.La gestione del contatto e il valore del tocco, il sonno e i risvegli notturni, allattamento e nutrizione, tappe fondamentali di sviluppo psicoemotIvo motorio e cognitivo.

CORSO SUI FIORI DI BACH

(Liv. 1)

 

fiori di bach

 

Corso Online sui Fiori di Bach (Liv. 1)

 

....da Febbraio 2018

 

Per informazioni e adesioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

A breve il dettaglio del programma

comunicazione e gestione emozioniIn ogni scambio comunicativo intervengono tutta una serie di aspetti, verbali, ma anche e forse soprattutto corporei, che ne definiscono sia le modalità, sia la qualità; è dunque importante poterli controllare ed utilizzare al meglio, in particolare riferimento alle relazioni che si basano sul “prendersi cura” dell’altro.

L’essere umano ha necessità di essere in relazione con gli altri e di trovare le modalità più efficaci per comunicare i propri pensieri, le proprie parole ed emozioni, il proprio modo di essere.

Prima di comunicare con gli altri è, però, importante capire come comunichiamo con noi stessi/e e come formuliamo i nostri pensieri.

D’altro canto, nel momento in cui entriamo in relazione con gli altri, molte sono le dinamiche che si creano in ogni scambio comunicativo, sulla base dei diversi stili relazionali che ci caratterizzano e che scegliamo di volta in volta di mettere in atto.

STOP VIOLENZA

 

Ciclo di incontri online (via webinar)

• Che cos’è la violenza di genere. Cenni storici sul femminicidio

Saranno toccati i seguenti punti: 

Comunicazione e Gestione delle Emozioni

[On Line]

Il percorso mira a sottolineare tutti quegli aspetti, verbali , ma anche e forse soprattutto corporei, che intervengono in ogni scambio comunicativo, in modo da poterli controllare ed utilizzare al meglio, in particolare riferimento alle relazioni che si basano sul “prendersi cura” dell’altro .
Il corso si articolerà in 5 incontri di seguito gli argomenti che verranno trattati :
• La comunicazione efficace, un ponte fra i cuori
L’essere umano ha necessità di essere in relazione con gli altri e di trovare le modalità più efficaci per comunicare i propri pensieri, le proprie parole ed emozioni , il proprio modo di essere.
• Atteggiamento mentale positivo
Prima di comunicare con gli altri è importante capire come comunichiamo con noi stessi/e
e come formuliamo i nostri pensieri
• Analisi transazionale
Diversi sono i modi con cui possiamo entrare in relazione con gli altri e diverse dunque possono essere le dinamiche che si creano in ogni scambio comunicativo
• Il linguaggio del corpo
Non si comunica solo con la voce, bensì con tutto il nostro corpo: è importante dunque acquisire consapevolezza dei messaggi che possiamo trasmettere attraverso la nostra comunicazione non verbale.
• La gestione delle emozioni
Per poter pensare e comunicare in maniera efficacie, è necessario saper riconoscere e gestire le emozioni che proviamo e che potrebbero in qualche modo interferire nei nostri scambi relazionali.
Relatrice dott.ssa Lisa Turrini

Per info e prenotazioni : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

21751265 506032336414084 7912340193243978289 n

 

Comunicazione e gestione delle emozioni [on line]

FacebookTwitterGoogle Bookmarks